Si possono modificare in sede di verifica di anomalia i costi di manodopera e di sicurezza indicati in calce all’offerta?

lawyers-in-delhi

Capita spesso che, in sede di verifica di congruità, un operatore economico ravvisi di aver con ogni probabilità sovrastimato i costi di manodopera e/o di sicurezza indicati, ai sensi dell’art. 95, comma 10, del C.C.P. in calce all’offerta economica. E’ possibile procedere ad una revisione dei dati espressi in quella sede?

Pur dovendosi dare atto di indirizzi dissonanti si ritiene senz’altro prevalente l’orientamento secondo cui i costi della manodopera e della sicurezza costituiscono, soprattutto alla luce del Nuovo Codice dei contratti, costituiscono elementi essenziali dell’offerta che, per definizione, è irrevocabile e immodificabile.

Se si ammettesse la facoltà di modificare tali elementi dovrebbe, per assurdo, consentirsi che in fase di giustifica e/o nelle successive fasi del procedimento e/o ancora in sede di esecuzione, l’appaltatore possa arbitrariamente modificare quanto prospettato in sede di gara, alterando ex post gli equilibri con la platea dei concorrenti.

Si consideri quali riflessi abnormi potrebbe avere una siffatta prospettiva ove mai venisse estesa ad altri aspetti dell’offerta, economici e/o tecnici, ingenerando una instabilità continua degli effetti giuridici del contratto di appalto.

Sul punto, è maturato un orientamento di prassi e di giurisprudenza che individua nell’indicazione compiuta ai sensi dell’art. 95 comma 10 del C.C.P. un vero e proprio impegno contrattuale che “sacralizza” un elemento indefettibile (e per ciò stesso immodificabile) dell’offerta presentata.

I costi della manodopera, pertanto, devono ritenersi cristallizzati nell’offerta economica e per l’effetto sottoposti ad una rigida inalterabilità (sul punto, tra le altre: Consiglio di Stato, Sez. V, 27 dicembre 2019, n. 8823; TAR Campania, Napoli, sez. II, 5 aprile 2019, n. 1910).

Ancor più rigida, peraltro, è l’opzione giurisprudenziale sui costi interni della sicurezza ritenuti unanimemente immodificabili (da ultimo, cfr. TAR Lazio-Latina, Sez. I, n. 27 del 24 gennaio 2020).

Avv. Marcello Russo

 
Comments

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.